11 Mar
Hungry_Franky

Mai come in questo periodo la necessità di distrarsi e il tempo libero si incontrano. Perchè allora non rilassarsi un pò mettendo le mani in pasta e preparando del buon pane?
Provate, sperimentate e sono certa che arriverete a non doverne più comprare così spesso.

Un consiglio? Impastate intorno alle 20:00\21:00 così da poterlo infornare il giorno dopo prima di pranzo.

INGREDIENTI PER UNA PAGNOTTA DA 800g:

  • 50g di farina di semola
  • 50g di farina di farro
  • 420g di farina 0 di media forza
  • 50g di noci
  • 390ml di acqua
  • 12g di sale
  • 2g di lievito di birra fresco

Iniziamo sciogliendo il lievito nell’acqua ed incorporando le farine ben setacciate in due volte. Prima una metà e poi l’altra sempre continuando ad impastare. Aggiungiamo poi le noci e, una volta che l’impasto inizierà a diventare un pò più “compatto” ed inizierà ad incordarsi, aggiungiamo il sale.
Formiamo la nostra massa di impasto, lavoriamola su un piano dando due o tre pieghe e lasciamola lievitare ben coperta a temperatura ambiente per 2h.
Trascorso questo tempo spostiamo in frigo, senza rilavorare la pasta.
In frigo, nella parte più alta, lasciamo che riposi per almeno 10h.
Ora possiamo riprendere il nostro impasto, dare altre due pieghe e lasciare riposare un’ora in frigo dopo aver dato la forma che abbiamo scelto per il nostro pane. Mettete ora fuori a temperatura ambiente, incidete leggermente la superficie del pane con un coltellino o una lametta, e lasciate che riposi almeno un paio di ore prima di infornare.

Ho studiato e letto tanto ma soprattutto ho sperimentato.
La mia “quadra” l’ho trovata giocando con il vapore.
Mettiamo un pentolino di acqua calda in fondo al forno così da creare vapore e accendiamo portando alla temperatura di 250°.

Una volta arrivato a temperatura iniziamo con l’infornata (vi consiglio di procedere su pietra refrattaria se la avete):

  • 20’ al massimo (250°)con il vapore
  • scalare a 220° e cuocere 10’(vaporizzando acqua con uno spruzzino, in basso e sulle pareti)
  • scalare a 200° e cuocere altri 5’ (come su)
  • scalare a 180° e cuocere altri 5’ ma senza aggiungere vapore e togliendo il pentolino.
  • ultimare la cottura a 170° 5’\10′ ventilato e con sportello leggermente aperto per far asciugare un po’ il pane

 

Sperimenterò ancora ma così, devo dire, ho trovato il giusto equilibrio tra crosta e morbidezza interna. Provate perchè vi assicuro che non ve ne pentirete.

[Sentite che bel suono al taglio, guardate e ascoltate questo video:]

*Valori indicativi per 100g di pane.


carboidrati 45
proteine 8
grassi 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *